lunedì 25 agosto 2008

Il mio nome è Connery. Neil Connery.



Non ho trovato nulla di più Disbanded di questo personaggio per iniziare la nuova stagione: Neil Connery, fratello di Sean Connery, che mai avrebbe pensato recitare in vita sua. Aveva altri talenti: faceva l’imbianchino, e a giudicare da alcune foto, aveva anche zero fascino. Ma nel 1967 fu trascinato da astuti produttori italiani in questa operazione-truffa: un film intitolato "OK Connery" (“evitamo de usà il nome James Bond, che se no so' rogne”). I guai non arrivarono, ma nemmeno la gloria. Racconta il regista Alberto De Martino che questo Neil Connery era brutto, ma proprio brutto. Mascherarono le cose tirando un po’ gli occhi in sala trucco e aggiungendo barba posticcia. Ma il risultato restò comunque dimenticabile. Il film, che non coglie l’occasione per essere una parodia divertente di 007 ma invece pretende di fare sul serio, raccoglie oggi un voto medio di 1,9 su Imdb.com. E il buon Neil, che secondo le promesse doveva essere lanciato nel ramo spaghetti western, fu presto allontanato dai set planetari. Nota Disbanded a margine: qui la colonna sonora, firmata nientemeno che da Morricone. Ennio, non suo fratello Settimio.

Elvis has left the building

11 commenti:

Vecchio dentro ha detto...

Riusciamo a beccarci pure i raccomandati scartati dagli altri paesi.
In fondo siamo unici nel nostro genere.
Che popolo, che popolo!

DAVID YOUMORE ha detto...

E che dire allora di Edoardo Bennato ed Eugenio Bennato? Chi è più brutto? Chi è più bravo? Chi copia chi? Chi odia chi?

Auariù ha detto...

Non è così male in foto però.

Anonimo ha detto...

Così in camice bianco ha la stessa assurda comicità di un presenter della P&G

Anonimo ha detto...

Beh, almeno ci ha provato. Pazienza.
In fondo il fratello di Fiorello si sente un pisello nel suo baccello: brother Awareness pura.

Salù

Mr. Becks

Anonimo ha detto...

Mr Becks,

il punto è che in questo paese non c'è la possibilità di provare. punto. O meglio, come mi scrive Ted, il mondo del lavoro non è "sano" e l'unica prospettiva è quella di dover fare lo "zerbino" almeno per un anno. Punto. Anzi. Due punti. o meglio tre punti.

Anonimo ha detto...

rettifico: grazie per il chiarimento Ted. Nn facciamo di tutta l'erba un fascio. Starò più attenta la prossima volta a trarre conclusioni così affrettate sulla situazione lavorativa italiana.

Anonimo ha detto...

@13.27,

non è che mi hai fatto scoprire l'acqua calda con la tua riflessione. E a dire il vero, poco mi importa del fratello di Connery.
Il punto è che non mi importa nemmeno che in Italia non ci sia la possibilità di provare, perchè tanto se non è Connery è un altro.
Quindi facciamoci due risate con quel filo di estate rimasta, o prepariamo la guerra. Le cose sono due.

salù

Mr. Becks

Anonimo ha detto...

Mr Becks,

e chissenefrega del fratello di Clooney!
E solo per dire, che ci sono alcuni argomenti che è meglio non assemblare ad altri, altrimenti ne esce un polpettone disbanded. Pensieri che si reggono sul filo di questa disbanded estate, proprio come in quella scena di quel bel film di Chaplin. Lì si sorride, prima di fuggire fuori da quelle pareti di stoffa.

Salù e cin..cin!

let's try, ma io sono per le rivoluzioni pacifiche, lotta dura senza paura!

Anonimo ha detto...

http://ca.youtube.com/watch?v=08nZ2vsZHL8

Anonimo ha detto...

@18.55,

Ti arrabbieresti ancor di più se sentissi Connery brothers cantare su un palco:

"Ziggy played guitar, jamming good with weird and gilly and the spiders from mars, he played it left hand
but made it too far became the special man, then we were ziggy's band.......................................................

'Night

Mr. Becks