lunedì 7 aprile 2008

Curriculum Disbanded II.




Ancora grammatica e segni Disbanded, poi chiudiamo con l'argomento. Il copywriter è quella figura professionale che - al massimo della sua forma - deve essere in grado di ideare qualcosa di simile all'annuncio di sopra (quello pieno di testo) e a quello di sotto (riempito solo da una bella idea). Se sa fare solo una delle due cose, è un mezzo copywriter e non va bene. Eppure ormai moltissimi curriculum di aspiranti copywriter arrivano con questo comune errore: "un pò", con l'accento invece dell'apostrofo. Saranno la metà almeno. E' un errore talmente frequente da essere diventato un'abitudine, e non solo nei CV. Un tempo avrei scosso la testa; oggi ci faccio un post, che mi risolvo anche il problema di trovare argomenti nuovi alle 23:54. Ho maturato la convinzione che la colpa sia degli sms, dove la percentuale di questo errore è vicina al 90%, visto che l'apostrofo costa ben cinque pizzicate di pollice in più e la gente ha sempre fretta. E così ci siamo abituati tutti a scrivere "un pò". Perfino i copywriter. Perfino nei curriculum. Io però anche quando il portellone dell'aereo si è chiuso e la hostess dice "la prego, deve spegnere", mentre le rispondo "ecco, ho fatto", batto di pollice 5 volte pur di non darla vinta ai nuovi barbari. Così facendo, non vincerò un oro a Cannes con l'annuncio qui sopra, ma vuoi mettere la soddisfazione di non perderlo per colpa di un segno grande come mezza unghia?

Elvis has left the building.

28 commenti:

Gianni ha detto...

Premetto che "un pò" non mi piace.

Però, detto questo, la lingua la fa l'uso. Se fra 10 anni il 90% delle persone scriverà "un pò", quella sarà la regola.

C'è da aggiungere che il presunto "errore" è originato in parte anche dal fatto che, anni fa, il Corriere della Sera per qualche tempo ha tollerato quella grafia anche in prima pagina. Infatti ho visto spesso la grafia "un pò" in tempi ante-sms anche negli scritti di blasonati direttori creativi copy. Il fatto che gli sms diffondano l'"errore" indica semplicemente che più facilmente questa diventerà la nuova regola. La lingua tende(tende) verso la semplificazione.

onan ha detto...

"Un pò" è ormai dilagante. E' più forte di me, non lo sopporto. Non riesco a dare nessuna giustificazione a questo incivile costume, Anch'io mi sono appellato a dare la colpa agli sms (mai scritto uno con l'accento al posto che con l'apostrofo). Ma ho indagato. Non è così.

francescos ha detto...

caro Ted c'è un bell'articolo sul declino del copywriter:

"AN INCONVENIENT TRUTH: HOW TO WRITE HEADLINES AND WHY YOUR CARRER DEPENDS ON IT"

Comincia così:

Hello, young copywriter. I am here today to tell you that you are a member of an endangered species. I'm very sorry, but it's true. If this website had a bigger budget, I would rent Al Gore's cherry picker, and I would use it to show you how far off the chart our troubles are becoming..."

lo trovate qui:

http://ihaveanidea.org/articles/index.php?/archives/407-AN-INCONVENIENT-TRUTH-FOR-COPYWRITERS-HOW-TO-WRITE-HEADLINES-AND-WHY-YOUR-CAREER-DEPENDS-ON-IT.html

Anonimo ha detto...

http://ihaveanidea.org/articles/index.php?/
archives/407-AN-INCONVENIENT-TRUTH-
FOR-COPYWRITERS-HOW-TO-WRITE-HEADLINES-
AND-WHY-YOUR-CAREER-DEPENDS-ON-IT.html

Ted ha detto...

Gianni quello che dici è vero. Stavo per scrivere "tristemente" vero, ma poi mi sono detto che la cosa è talmente inevitabile da non essere nemmeno poi così triste.
Dubito invece che il Corriere abbia "tollerato per qualche tempo" questo errore: sono certo che nei giornali - praticamente tutti - "un pò" è ancora un errore grave. Quando non lo sarà più neanche per loro vorrà dire che qualcosa sarà effettivamente mutato.
Nei titoli dei vari TG, piuttosto, "un pò" campeggia da tempo.

Grazie francescos, conoscevo quel pezzo ma fa sempre bene un ripasso. Ce ne sono altri molto interessanti, tra cui questo, lunghissimo, del CD della BBH. Copio e incollo:

Tuesday Tip No. 45 - How To Write Copy
If you have the choice, never write copy.

Why? Because no one reads it.

You’re just adding an extra element, which means fewer eyeballs will be attracted to the ad in the first place. So it’s counter-productive.

In the olden days, copy was important because it was a source of information about the product.

But nowadays, people almost never make a purchase without getting information from the internet first. Therefore, copy isn’t needed. Just put the web address.

In fact, even the web address is unnecessary, in my view, since consumers can be fairly confident in assuming that every company in the world which is selling products today, has a website. And you don’t even need to tell consumers what that website’s name is, because they’ll get to it via Google - that’s just what everyone does.

One argument you still occasionally hear in favour of copy is that it helps ‘close the sale’.

This ‘closing the sale’ argument is based on a bizarre view of how advertising works - that consumers read an advert for a product, drop their magazine and walk in a zombie-like trance to the shops to buy it.

Sorry, but you can’t close a sale with an advert. Advertising does have a huge influence on behaviour, but it’s not like you’re pressing the buttons on a radio-controlled car here.

There’s only one example I can think of when some copy on an advert might be a good thing. And that is when you want to imply that your product is a serious product, which has a lot worth saying about it. Of course, almost no one will read this copy. But the very fact that the advert has a lot of copy on it will communicate that this is a serious product, which has a lot worth saying about it. (N.B. this benefit may possibly be offset by the large number of people who will be put off even looking at the advert because of its dull and waffly appearance.)

So the only reason to write copy is if all the above arguments fail, and the client (via the account team) tell you that you have to.

Then you have to.

There’s very little to be gained from it. I’ve twice judged the ‘Copy’ section for D&AD, so someone out there must consider me a good copywriter. Yet in 15 years, no one’s ever told me: “Nice copy.”

Having said all that, I do think it’s worth doing a Tip about how to write copy.

Why? Because most Creatives nowadays come from an art-school or graphic design background rather than any kind of writing-related field, are not necessarily confident writing copy, and so (I get the feeling) would appreciate some guidance.

Also, although there is little to be gained from writing good copy, there is plenty to lose if you write bad copy. Principally, there’s a risk you may displease your Creative Director. He may be one of those Creative Directors (because remember he is a fair bit older than you - perhaps even of a different generation, at least in advertising terms) who still thinks that an ability to write copy is important.

Even if he does understand how irrelevant copy is, you may still piss him off if you do it badly - by taking up his valuable time to help you fix it.

The best result is you do this quickly and cleanly. That way the account team, Creative Director and Client are happy, while you have got it off your desk with a minimum of time & effort spent, so you can get on with something else… something which might actually advance your career.

Here are my 5 tips for writing better copy.

1. Spell-check. Every time you pass your copy to another sentient being – be that your Creative Director, Traffic guy, Client or whatever – spell-check. I personally believe that an insistence on correct spelling is pointless; nothing more than pedantry. I’m far more interested in what someone has to say, not whether they’ve remembered that ‘accommodation’ needs 2 C’s and 2 M’s. (Why does it?) However, there are plenty of people out there who place poor spelling on a par with poor personal hygiene, poor manners, and the decline of the British Empire. And you don’t want to piss anyone off unnecessarily. Not when avoiding it is as easy as pressing F7. So do that.

2. Get the account team to give you a copy brief, or ‘account man copy’ before you start. Often there’s little wrong with it.

3. Use simple, common words. But not exclusively - throw in the odd clever one too. It’s a trick that really works. The late style guru Sheridan Baker, who in turn was paraphrasing Aristotle, wrote: “For clarity, we need common, current words; but, used alone, these are commonplace, and as ephemeral as everyday talk. For distinction, we need words not heard every minute, unusual words, large words, foreign words, metaphors; but, used alone, these become bogs, vapours, or at worst, gibberish. What we need is a diction that weds the popular with the dignified, the clear current with the sedgy margins of language and thought.”

4. Good copy is copy that flows. So avoid elements that could make a reader stumble. These include punctuation in the wrong place, words or combinations of words that make an ugly or weird sound in the head, lack of clarity, boasting, unnecessary changes of tense, use of passive voice, repetition (unless deliberate), clichés, vagueness, blandness… and lists. Like the one you just read.

Three is really the maximum number of items to put in a list, unless your goal is to send the reader off for his sleepy-time.

A bit more on some of those other “don’ts”:

Punctuation in the wrong place is bad. The only purpose of punctuation is to clarify meaning. Putting it in the wrong place makes your meaning less clear.

Avoid rhyming copy, it just sounds weird. In general, try to listen in your head to the sounds that your words make. Avoid combinations that sound ugly or are hard to say.

Lack of clarity is your No.1 enemy. Always check your copy (or have someone else read it) to see whether any bits could be read the wrong way.

Don’t boast. Describing the product as ‘amazing’ or ‘wonderful’ won’t actually make people think it is. Would you describe yourself as ‘amazing’? Persuasion occurs when you present someone with the facts in an appealing way, and let them come to the amazingness conclusion for themselves.

Avoid unnecessary changes of tense. A sudden move like this can throw a reader right off his horse. In general, keep everything in the same tense. The present tense.

Passive voice has a place – like maybe if you want to portray someone as a real victim – but rarely in advertising copy.

Avoid repeating words, even little ones like ‘of’ and ‘and’. Such repetition probably wouldn’t trip a reader, and may not even be consciously noticed. But unconsciously, I believe it registers as a low-quality signal. Someone who finds it necessary to repeat a word, when they’re only using 50 of the blighters, obviously doesn’t have a very large vocabulary. Repetition is only okay if you’re doing it deliberately, for effect. Example: “There’s no business like showbusiness.”

5. For goodness sake, don’t spend ages on a piece of copy. Chances are that as soon as you have it perfectly crafted, with not a word out of place, and a rhythm that would be the envy of Keats… the Client thinks of a point they want to add or take out, and you’ll have to re-tool.

Niky Rocks ha detto...

Scusate ma, sebbene condivida che "la pratica rompe la grammatica", fra un neologismo e l'uso grammaticale scorretto dell'accento ce ne dovrebbe correre. Insomma PO con l'apostrofo (po') mostra l'elisione del resto della parola sottintesa e sta a indicare "poco" solo perché a testimoniare la caduta della sillaba c'è l'apostrofo. L'accento non simboleggia nulla di tutto questo e tra l'altro non avrebbe nemmeno molto senso su un monosillabo. Insomma non diamogliela vinta e continuiamo a difendere il buon vecchio "po'" non facciamo passare i barbari... anche se quello era il Piave.
Invece, perdonate la domanda, ma il plurale di curriculum non si usa più?

Ted ha detto...

Curricula? A me non è mai piaciuto, però suppongo si usi correntemente e correttamente.
Con le parole latine "italianizzate" personalmente seguo la regola dei vocaboli inglesi ormai entrati nell'uso comune. Per esempio: "i 3 gol", e non "i 3 goals".

Niky Rocks ha detto...

Vabbeh (che poi non si scrive così) qui ormai stiamo facendo la Crusca e io sono puntigliosissima e avrei un'obiezione: concordo sulle parole inglesi che, se si usano in inglese (col plurale,) dovrebbero essere scritte in corsivo o fra virgolette, ma per quanto riguarda le latine io le considero italiane e non italianizzate. Insomma il latino moderno è l'italiano. Ma è roba da snob ex correttori di bozze come sono stata io. Sorry.
p.s.
Invece che dire dello spot Granarolo "non tutti i latti sono uguali", ho scritto un post in merito, se ti va di darci un'occhiata lo trovi sotto l'etichetta "Ma non era meglio dirlo coi fiori?" del mio blog.

Ted ha detto...

L'ho letto. Giusto. Se però "i latti" è usato con ironia è tutto un altro discorso. Era meglio dirlo con i fiori in ogni caso.

Anonimo ha detto...

cosa intendi per nuovi barbari? L

Anonimo ha detto...

Uhssignore.
Io sono copy.
Copy junior e non scrivo "un pò".
Così come non scrivo "perchè".
Così come non uso i puntini di sospensione.
Così come non uso i punti esclamativi in pacchetti da 15.

E secondo me la lingua non la fa l'uso.
Soprattutto se l'uso è sbagliato.

Anonimo ha detto...

nel senso che a volte si usano delle parole senza ben specificarne il senso. Invasione barbarica di nuovi linguaggi della contemporaneità?
Un esempio. Invasione barbarica:
effetto disbanded negativo. Un artista alla Biennale Centroamericana espone un cane vivo, affamato e malato, legato a una catena mentre tenta vanamente di raggiungere il cibo disposto a debita distanza.
Uno spot mette un cane in una macchina e fa seguire le immagini dalla canzone con un testo esplicativo "I'm a Man". invasione barbarica: effetto disbanded positivo.
qui lo spot
http://uk.youtube.com/watch?v=WmthHf5QKDg&feature=related

L

Smeerch ha detto...

Ted, è proprio per questo che non ti ho mandato il mio curriculum. :)
D'altronde non he ho avuto bisogno. Sono entrato dalla porta di servizio e siamo stati vicini di ufficio per qualche settimana.
A proposito... chissà se ci torno!

Gianni ha detto...

Nicky Rock: l'uso modifica quel che vuole, indipendentemente dalle regole originali, che infatti si evolvono continuamente.

Infatti, se teoricamente hai ragione nel caso di "po'" contro "pò", ecco che sbagli (secondo le regole) nel caso di curriculum: in italiano è indeclinabile. Ma se prenderà piede l'abitudine (d'importazione anglosassone) di declinare alla latina "curriculum"/"Curricula" ci sarà poco da fare.

Ted: Ti confermo che negli anni novanta per diverso tempo nel Corriere della Sera hanno convissuto entrambe le grafie. Magari qualche grande firma era riuscito a giustificarlo.

Gianni ha detto...

@ anonimo: che la lingua la faccia l'uso lo dicono i linguisti, non certo gli ultimi arrivati in fatto di studio delle regole grammaticali e ortografiche. Che infatti sono in continua evoluzione.

Le regole grammaticali sono un importante riferimento per chi scrive, ma non sono né eterne né immutabili.

Ted ha detto...

Verum est.
E aggiungo che se assisti a un mutamento vuol dire che sei vecchio. E se sei vecchio farai fatica ad accettare serenamene il cambiamento, fintantoché non diventerai vecchissimo.


"Ai miei tempi" per esempio non si scriveva "Ci vediamo settimana prossima". Senza l'articolo non andavi da nessuna parte, e restavi a settimana scorsa.

Anonimo ha detto...

Concordo in pieno con il post di gianni qui sopra. Ed aggiungo: un ruolo importante è giocato dai nuovi strumenti tecnologici. Con la velocità di comunicazione dei messaggini (io, al contrario di ted, scrivo pure che con la K: che eresia!), il mezzo si è mangiato il messaggio. Ed in un certo senso posssiamo concordare con Wittgenstein quando afferma: "il linguaggio è l'uso". L

francescos ha detto...

Penso che nella lingua come nell'abbigliamento sia tutta questione di stile: istintivamente diffido dei creativi che si vestono trasgressivo.

Niky Rocks ha detto...

Beh ma se proprio la vogliamo dire tutta "curriculum" nel vocabolario di italiano non esiste senza "vitae". Invece in italiano si dovrebbe proprio dire "curricolo" che è orripilante.
Resto aperta ai neologismi e attenta ad uploadare il mio linguaggio in base alle ultime tendenze, però non sono di quelli che pensano: "l'importante è capisse!".
Sarò retrò, pazienza. Io adoro il retrò.

fabrizio ha detto...

un po' che non ci si sente, ancora un po' sule stampelle, un po' va un po' no...
a presto.

Smeerch ha detto...

Niky Rocks, scusa ma "uploadare" non dovrebbe forse significare "caricare"? A me sembra che tu lo usi con il significato di "aggiornarsi".
Forse ti sei confusa con "up-to-date".

un curioso di passaggio ha detto...

È un’abitudine, un po’ più frequente, quella di iniziare una frase come questa con 'E’'.

poetadisottofondo ha detto...

Ted, a giudicare dal numero dei commenti e dal "fervore" che suscitano i post in merito, io fossi in te non chiuderei l'argomento "grammatica"

anche se forse c'è il rischio di trasformarsi in un bocciodromo dove rimpiangere a turno i bei tempi della lingua italiana
e non so quanto questo possa essere disbanded

Niky Rocks ha detto...

@smeerch: c'hai ragione.
Vale se dico che ho usato un neologismo o una licenza poetica?
Mi sa di no. Non sono forte con lo slang informatico. "Retrò" andava bene?

francescos ha detto...

WWW: World Wide Waste of time

( Diablo Cody )

goodnight ha detto...

(pl.) curriculums

goccio ha detto...

Sto cercando di formarmi per diventare un copy, eppure lo devo ammettere: sono uno di quelli che il "pò" lo utilizzano a cuor leggero.
Pur conoscendo la regola, le dita sulla tastiera digitano la "p" poi, subito sotto, la "ò".
Anche negli sms.
Potrei dire che nei messaggini economizzare anche su uno solo dei 160 caratteri disponibili fa guadagnare tempo o spazio.
In verità è solo un gesto meccanico che non ho mai considerato errato.
Mi sa che da oggi lo farò un po'.

Dax82 ha detto...

Sì, ti ho mandato una mail io tempo fa dove il "pò" era scritto addirittura nell'oggetto della mail. Madonna santa, l'ho riletta ora per trovare il motivo per cui non mi hai risposto. E devo dire che ne ho trovati almeno una decina (uno dei tanti è aver scritto "dopo aver conseguito il diloma...", che scritta da un copy si giudica da sola). Ted, non so perché ti ho mandato una mail di presentazione così brutta, rileggendola penso che l'abbia scritta qualcun altro al posto mio, giusto per farmi un torto.