martedì 25 marzo 2008

Trova le differenze.




Trova le 18 impercettibili differenze tra le persone in fila a New York nel 1932 per una scodella di zuppa e un pezzo di pane, e quelle in fila, sempre a NYC, nel 2008 per la vendita del gadget segreto di Paul Smith. E risolvi l'impossibile quiz finale: il mondo è migliorato o peggiorato?

Elvis has left the Q.

19 commenti:

Anonimo ha detto...

The Heart of NY (1232)
This picture showed in great detail how people struggled and took care of each other no matter who you were.

Anonimo ha detto...

è rimasto uguale, abbiamo solo trasformato la scodella di zuppa in qualcos'altro

Anonimo ha detto...

In the heart of the city, a NY così come a London, c'è sempre la fila del 1932.

Anonimo ha detto...

C'è La Differenza, secondo me, è Enorme Ted.
Tanto grande e immensa almeno
quanto la differenza tra la parola
"Bisogni" e "Realizzazione nell'accezione piu' vasta possibile
che comincia dal sé e non si ferma nemmeno al noi dell'eventuale purtroopp fisiologico, entourage cultural impegnato o quello frivolo informato".

M fa quasi male vedere HeartofNY,
paragonato ad un' Evento.
anzi, senza quasi.

Sin

Ted ha detto...

Non ti dolere. Ricorri all'Ironia, funziona sempre.

Anonimo ha detto...

già. I agree with you, Sin. il sense of humour funziona SEMPRE? mah. La vita è tutta un quiz! L

Anonimo ha detto...

Nel frattempo metà di voi avrebbe voluto essere lì, in coda per il gadget.

francescos ha detto...

Vedo un significato nel lapsus: Elvis ha lasciato non la CODA (queue), ma un indizio (cue). Sotto sotto è ci piace pensare che è ancora qui...

Anonimo ha detto...

indizio non si diceva "clue"?
eh eh eh

onan ha detto...

ma il gadget segreto cos'è? Una zuppa?

Ted ha detto...

Ops! Typo in agguato. Correggo in Q e buonanotte, thanks per la segnalazione.

1731975@gmail.com ha detto...

Caro Ted,

la natura umana è quella che è. Oggi su repubblica c'è un bell'articolo sulla lezione mai imparata dalla crisi del '29. Dopo quella crisi, per evitare di nuovo un buco nero del genere, erano state poste delle regole prontamente aggirate non appena ce ne è stata la possibilità. Soprattutto non appena l'ottimismo generale della ripresa economica ha permesso di stendere un velo caramellato sugli occhi della comunità internazione. L'unica soluzione a questa crisi è attraversarla, come si attraversa una tempesta o una malattia e sperare che la convalescenza non sia troppo lunga. Io credo che tutto questo possa anche rappresentare una grossa occasione economica. Credo sia necessario ritornare alla microeconomia, ma senza mettere barriere, dazi e puttanata di questo genere. La globalizzazione in quanto tale è un concetto morto tenuto in vita solo da poche oligarghie spesso transazionali di potenti, che sempre di più ci trattano da consumatori e sempre meno da persone. Dobbiamo sforzarci di invertire questa tendenza alla ricerca di un equilibrio. Ma in tutto questo c'è un incognita che in realtà è una certezza statistica: mai, nel corso della sua storia, l'uomo è riuscito a rivoluzionare la propria società in maniera pacifica e realmente costruttiva. - 1731975

Ted ha detto...

Se mi dai il tuo nome completo, il 13 aprile ti voto.

1731975@gmail.com ha detto...

Mi prendi in giro Ted? Sai che quando leggi è difficile interpretare il tono di voce di una persona?
Io ero molto serio. Il mio non era un discorso politico. Sono semplicemente uno che ama molto la storia, e un po' meno l'umanità. - 1731975

Ted ha detto...

E chi scherza? Solo che non posso votare un numero.

Anonimo ha detto...

" non si finisce di essere totalmente letame che sotto il colpo di una grande catastrofe"

L.F.Celine

1731975 ha detto...

Beh,

credo che tale dovrò rimanere. Un numero intendo.
Se e e quando hai tempo (o voglia) troverai la spiegazione del numero sul mio blog:

lagerrarefatto.blogspot.com

Ciao. - 1731975

Anonimo ha detto...

Funereo funaro, again. LS&P

Anonimo ha detto...

Ho letto nei commenti di questo post la seguente frase:
"...che comincia dal sé e non si ferma nemmeno al noi dell'eventuale purtroopp fisiologico, entourage cultural impegnato o quello frivolo informato..."

Secondo me è un grosso problema quando ciò che dici o pensi non risulta più fruibile da alcuno. Post come quello da cui ho stralciato il passaggio stanno trasformando questo luogo in una nicchia di pseudointellettualoidi leccaculo che fanno a gara a chi si avvita più stretto su se stesso per stupirne il creatore.
Vi prego comunicatori, comunicate anche con noi.