venerdì 23 gennaio 2009

Il rock è Disbanded* il 18/01/2008? *(deceduto)



Ai piani alti della musica, nelle redazioni delle poche testate musicali prestigiose, tra gli scaffali pieni di vecchi nastri Betamax di televisioni che trasmettono video, ma anche nelle discussioni via chat tra innamorati del rock, in questi giorni ci si chiede: il Rock è davvero morto con la rappresentazione reale davanti al 44mo Presidente americano? La sua forza rivoluzionaria, il suo potere trasgressivo, la sua stessa missione, sono definitivamente atterrati il 18 gennaio al Lincoln Memorial davanti alla famiglia Obama? Si è detto: "è stata una consacrazione e un trapasso. La fine della storia del Rock e l'inizio di qualche altra cosa". A meno di non voler dare per buona la teoria secondo cui il rock è morto già negli anni '80. Se non prima, ai tempi di Elvis. Ma se così fosse, cos'era allora Nevermind? E Ok computer? Mi sento Disbanded, forse rivoglio i Sex Pistols (che non mi sono mai piaciuti).

Elvis has left the building.

26 commenti:

onan ha detto...

Credo il Rock sia più o meno morto all'inizio degli anni 00 (forzando un po' la mano potremmo cercare una coincidenza con l'11 settembre). Questo è stato il primo decennio in cui il Rock non è contato davvero niente in ogni senso.
L'epocale avvenimento Obama potrebbe ora segnare il termine definitivo di un ciclo, per una resurrezione sotto vesti completamente diverse. Anche concettualmente. Questo almeno spero...

Anonimo ha detto...

Il rock sta muorendo perché questa non è un'epoca rock. Questa è un'epoca elettronica, le canne ce le facciamo solo noi della vecchia scuola, le nuove leve pippano la cocaina che è decisamente più electro.

Anonimo ha detto...

Soggettivamente non è detto che sia morto: dipende cosa si intende per rock. Oggettivamente è out. Personalmente, mi sono fermato agli anni '90, ma fenomeni di inizio secolo come White Stripes, Strokes, Black Rebel Motorcicle club e Interpol, mi hanno interessato. Devo dire però che Ok computer, Pablo honey e The bends per i Radiohead e Nevermind e aggiungo il britpop inglese, hanno segnato una corrente.
Oggi non si capisce bene che tipo di rock si ascolti: poppettato ed elettronico, scarso ma piacevole per molti. Un po' come alcune campagne che creano odience ma prive di idea.
Il mio rifugio si trova tra i '70 e i '90, spero di trovarne uno nuovo prossimamente. Per ora ho dei dubbi.

Mr. Becks

Anonimo ha detto...

Io non so se il rock è morto ma leggendo l'anonimo delle 10,57 credo che l'italiano lo sia senz'altro. Muorendo? Oh, ma ne ne facevate di canne alla vecchia scuola (Cepu?).
Verdetto: se non superi il test antidroga, il tuo stage finisce qui.

onan ha detto...

Mr Becks: Strokes, Black Rebel Motorcycle e White Stripes sono stati forse l'unico tentativo di fenomeno Rock di questo decennio. Hai ragione. E' tutta roba che germinalmente sta esattamente prima dell'11 settembre. Il fatto è che sono stati (ottimi) gruppi "in" perchè "vintage", il che intende che questa musica è drammaticamente "out".

Yogasadhaka ha detto...

Resta valida la famosa smentita di Mark Twain: "La notizia della mia morte è stata grandemente esagerata."

Anonimo ha detto...

A mio modesto parere il Rock è finito coi Sex Pistols e il punk. La musica del funerale è stata fornita dai Joy Division. Poi è nata MTV e la musica è diventata un'altra cosa.
Forse la domanda dovrebbe essere: con che musica Obama non si sarebbe mai sognato di insediarsi? Che so, la techno, l'hardcore? Allora vuol dire che la techno e l'hardcore sono il nuovo rock. Mah.

Soze

Anonimo ha detto...

10.57 è un ignorante ma non ha scritto cazzate. Anche io ho una visione drogocentrica. Molte epoche sono segnate dalle droghe che si usavano in quel periodo.

r. ha detto...

Il rock non morirà mai, semplicemente perché è bastardo: figlio di molti generi.
E i bastardi non moriranno mai.

Anonimo ha detto...

Forse è sbagliato parlare di morte. Forse è meglio dire che il rock segue un declino per certi versi simile a quello che è toccato al jazz. Ha perso il baricentro del suo contesto sociale, non è più avanguardia da almeno 20/25 anni. Si cita - a volte con risultati eccellenti come quelli riportati da Ted e da molto di voi - senza però ricrearsi. Un po' come un vecchio soldato che racconta ai suoi nipotini delle avventure entusiasmanti. Finito il racconto, lui va dormire e quelli scappano a vivere le loro avventure. Nuove, incomprensibili e troppo fresche per essere scritte, interpretate.
Quanto alle droghe, vero è che appartengono alla storia del rock almeno quanto gli assoli di Jimmy Page ma gli darei più la dignità di corollari che di postulati.

Anonimo ha detto...

12.24 il tuo posto è molto interessante. Mi è piaciuta la metafora del nonno e credo sia assolutamente azzeccata.

Ted ha detto...

Sottoscrivo quanto detto dall'anonimo 12.24.
E grido forte anche io con anonimo delle 11.52.

Ma perché non vi firmate, specie quando gli argomenti e le argomentazioni sono così rispettabili?

Anonimo ha detto...

Rock: Copyad = Musica elettronica: keyvisual.
E nessuno s'azzardi a contraddirmi altrimenti ammazzo il nonno.

Ads

Anonimo ha detto...

Il rock non muore perchè i bastardi non muoiono? Cazzo vuol dire?

r. ha detto...

Ora te lo spiego, anonimo 13:27.
Perché se morisse il rock morirebbero tutti i generi che lo hanno generato, ad esempio il blues.
E pure tutti i figli che ha creato, dal metal al grunge.
Poi cosa ci rimarrebbe?

E comunque, più in generale, i bastardi non muoiono mai. In tutti i sensi. Scegli tu che senso dargli.

E a dirla tutta non mi sembra nemmeno in agonia, tra rock radio che nascono (ok, forse un po' troppo commerciali), tv, nuovi ritorni. Dai Sex Pistols citati agli Ac/Dc, che mi gusterò dal vivo tra un paio di mesi. Sperando che non sia io a tirare le cuoia prima di quel giorno.

ps io mi sono firmato: r.

Anonimo ha detto...

anonimo delle 10.57 il rock non l'hai vissuto ma solo visto ( in tv ). ma che dici? le rock star quindi secondo la tua teoria, fumavano le canne e basta? hahahah.

CMq il rock esiste ancora, ma per ragioni commerciali e tanti interessi di mezzo, non viene fatto emergere.
E' verissimo invece, che almeno in Italia, abbiamo il BISOGNO di nuovi idoli, nuove star in cui riconoscerci, nuovi " cattivi esempi" da seguire.



m

onan ha detto...

Il Rock non è morto, ma è in coma. E' tenuto in vita solo da coloro che provengono almeno dalla decade precedente. Obama stesso non ha avuto nelle celebrazioni alcun rappresentante della "contemporaneità", semplicemente non ne esistono che lo siano di qualcosa che conti. Ecco perchè spero che le cose possano ora cambiare.

Anonimo ha detto...

Benvenuti nell'era del Soft Power
http://it.wikipedia.org/wiki/Soft_power

r. ha detto...

Onan:
non è in coma. E' una filosofia: quando dico che è bastardo intendo dire anche che è fatto da certa gente, non da bravi figlioli. Morrison, Hendrix, Cobain, Bon Scott, Zappa, etc. etc. sono già morti ma non moriranno mai le loro icone.
Il rock è più di un genere musicale, è religione. Ha i suoi idoli. Sarebbe come dire che morirà il cristianesimo perché 2000 anni fa è morto Gesù.
"kill your idol" sosteneva Axl. Li puoi ammazzare quanto vuoi ma non morirà mai la loro immagine né la loro musica.
W il rock.

Anonimo ha detto...

E se invece il Rock avesse vinto!?
In fondo ogni rivoluzione vuole arrivare al potere. Il problema è quello che succede dopo.

Il rock è bastardo. sono d'accordo. Risultato di molteplici contaminazioni;
dall'identità liquida, meticcia, imprevedibile. Per questo penso che il significato del rock, non possa risiedere esclusivamente nella sua struttura musicale, ma si esprima anche e soprattutto nel suo essere cultura, che identifica un atteggiamento alla musica, se vogliamo alla trasgressione, e alla creazione di idee. Intendo il rock come un modo di espressione contaminabile e contaminatore. Guai ad arrestare questa deriva, magari con il piglio nostalgico agli anni 70, rimpiangendo i capelli lunghi e il marshall valvolare. Brutta musica, certa musica rock, coi soliti riff e accordi, reazionaria e conservatrice.

La struttura del rock, per esempio, è da tempo in molta musica elettronica (es.syclops) anche molto sintetica; e del resto molta musica elettronica è entrata nel rock già da tempo (Pink Floyd, Radiohead...). Mi viene in mente Certo metal, tipo speed core che è addirittura perfettamente sovrapponibile a certe traccie hard tekno rave.

Il rock esisterà fin quando la musica sarà riformatrice e promiscua, meticcia e bastarda. A pensarlo e a suonarlo sempre uguale a se stesso, invece, si rinnega il suo spirito e lo si uccide.

V.

onan ha detto...

r.: certo che ciò è classico è immortale. Il problema è che nessun artista degli ultimi 10 anni ha neppure lasciato immaginare di poterlo diventare.

v.: esatto, se la rivoluzione è compiuta ora si può sperare in una inattesa evoluzione evoluzione.

Anonimo ha detto...

in questo blog si parla per il 95% o di rock o di pubblicità, due cose di cui non me ne può fregà de meno.

Anonimo ha detto...

Secondo me l'undici settembre non c'entra nulla. Per morte poi, si intende il mancato proseguimento dell'innovazione.

I Velvet underground non potrei mai paragonarli ai Linkin park. E gli Mc5 ai Tokio hotel nemmeno col binocolo.
Io non paragonerei nemmeno i Joy division agli Interpol, nonostante quest'ultimi mi piacciano molto (e nonostante i critici li abbiano definiti "i figliastri"). Perché i Joy sono unici - o quasi - nel loro genere.
I Sex pistols invece, non sono l'icona assoluta del punk-rock, ma i più caciaroni: bastardi più degli altri quindi, e unici.

Mr. Becks


Hamburger, Kraft e becks
http://it.youtube.com/watch?v=847Y_hGzvIU

onan ha detto...

Mr Becks: l'11 settembre non c'entra nulla. Ma è una data che riesco a far coincidere con l'ingresso in agonia.
Non si dimentichi mai che i 00 sono gli unici anni in cui non vi sia un morto importante. Fosse un morto (ovviamente appartenente alla decade) non c'è stato neppure minore.

reboman ha detto...

Dunque il rock è morto perché non c'è scappato il morto. Non male.

Carlo ha detto...

Io credo che, in un momento storico in cui la musica non è mai stata così massivamente fruita (basti pensare a quanti diavolo di gruppi abbiamo nell'Ipod), il rock non sia morto, ma si sia digregato in tante piccole nicchie.
Forse non ci sono più le band che, in passato, hanno trasversalmente fatto innamorare milioni di persone ma ci sono progetti pregiati ed indiscutibilmente rock nell'attitudine.
Praticamente, il rock si è adattato a quel fenomeno che tutti conosciamo e che chiamiamo "frammentazione del target".
Certo, potremmo discutere su cosa significhi essere rock...