mercoledì 15 luglio 2009

Reincarnarsi in una mosca a Memphis nel 1965.



Io credo che se fossero esistiti i maledetti telefonini nel 1965, non sarebbe stato un male. O forse sì. A quest'ora invece di sottoporvi un video con dei vecchi sconosciuti della Memphis Mafia (l'incredibile entourage che circondava Elvis) forse potrei mostrarvi la jam session di "un'ora, forse due" più incredibile della storia: i Beatles che vanno a trovare Elvis a casa sua, e suonano e cantano tutti insieme. Invece non ne esiste traccia. Non una registrazione, non una foto, né una mosca che possa raccontarlo. Ma il bello è certamente questo. Ognuno può immaginare come siano trascorse quelle due ore, e scegliere una melodia per il minuto 0'56" del video, al momento piuttosto vaga.

Elvis has left the building.

9 commenti:

modesty ha detto...

you said it right: che bello che non esiste traccia di tutte le cose. che bello che alcune cose belle succedono senza che il mondo guarda, batte le mani e sbava.
...questo caldo mi uccide....non è che metteresti una canzone?!

Jack De Frost ha detto...

Sarei stato parecchio curioso, anche perché la storia è controversa.

Pare che Elvis non amasse poi molto i Beatles, tanto da arrivare a indicarli allo FBI come un pericolo per i giovani americani.

http://en.wikipedia.org/wiki/FBI_Files_on_Elvis_Presley#Endeavor_to_denounce_the_Beatles.2C_the_Smothers_Brothers_and_Jane_Fonda

PS: J. Edgar Hoover rifiutò tuttavia di incontrarlo in quanto vestito, dice, in modo eccessivamente strampalato (disbanded).

Anonimo ha detto...

"né una mosca che posa" è un lapsus davvero niente male!

nev

fabio ha detto...

so che le date non coincidono, ma seconto me, al 56° secondo si intuisce perfettamente il ritornello di OB-LA-DI OB-LA-DA!_f

Anonimo ha detto...

ma, scusate... nel '65 sarebbe stato possibile sia scattare una foto che (anche se un po' più complicato) filmare. in ogni caso, anch'io preferisco fantasticare e pensare a quei cinque che intonavano delle loro canzoni o che scimmiottavano i pezzi di jerry lee lewis o dei rolling stones. oppure... che tutto questo sia un modo disbanded dei memphis mafia per ritrovare un po' di popolarità. altrimenti che ci farebbe 'sta notizia in questo blog?

Anonimo ha detto...

apro il commento con una premessa: mi piacciono molto i tuoi post che non parlano di pubblicità...non che gli altri non mi "garbino" ma...preferisco il tuo sguardo creativo su cose che vanno oltre, lì davvero diventa originale...lo dico da giovane copy.
E ora, da giovane copy immagino: John sta parlando con il re, convincendolo della matrice rock old style che c'è dietro Revolution, Paul si avvicina, lento, stiloso, sicuro... e a bruciapelo, con l'irruenza di un giovane che sta cambiando il mondo, gli chiede: "che ne diresti di guidare una banda di cuori solitari per noi?".
Dalla copertina del disco sul muro della mia camera...immagino che il re non abbia apprezzato la proposta...peccato.
p.s. potrebbe essere no? Tanto non ci sono telefonini a smentire la mia tesi...
Paolo

Anonimo ha detto...

Ted, credo di aver appena partorito un'idea da Cannes. Ma ho pensato al tuo post di qualche giorno fa e ho troppa paura domattina di svegliarmi e scoprire che fa schifo. questa notte non dormirò, volevo solo dirti questo.

Ted ha detto...

Probabilmente domani mattina sara' un'idea da key award, ma non ti preoccupare.

21.45 ha detto...

Grazie per la fiducia, Ted. Il mio art ha apprezzato e visto che è un'idea visual ha anche intascato. Appena è pronta te la giro, così mi dici se è almeno da portfolio.