venerdì 13 giugno 2008

Miracolo al Bonobo party.



Alla festa di premiazione dell'ADCI 2008 (il premio maximo della pubblicità italiana) succede una cosa incredibile: tornano i giovani. Un migliaio di presenti, ospiti dal London International Awards, drums a go go, si balla fino a tardi e i lavori non sono così male. Sembra quasi di essere in un altro paese. Se continua così l'ADCI rischia quasi di risorgere. Vince il Grand Prix Arnold per il bel lavoro su MTV. Qui i premi di The name, tutti gli altri non me li ricordo più. Chiedeteli ai giovani, non a me.
(a memoria: Orlandi e i suoi Vision pigliatutto nel Web, scuola d'arte drammatica Paolo Belli oro nella televisione, Lavazza in fotografia, VW "moving city" in execution TV)

Elvis has left the cage.

28 commenti:

Gianni Lombardi ha detto...

Premetto che in questo momento forse sono un po' prevenuto nei confronti dell'ADCI. Pero', conoscendone bene la storia, posso dire che non è così "incredibile". Ti stupisci un po' per poco, Ted...

Se organizzi una festa a ingresso gratuito, è abbastanza facile far venire i "giovani". Direi che, disponendo di una location adeguata e un minimo di budget, è la cosa più facile del mondo. :-) Le premiazioni ADCI hanno sempre avuto partecipazioni fra le 500 e le 1000 persone, a seconda della location e degli intrattenimenti offerti. Storica la festa in Piazza del Cannone, dietro il Castello Sforzesco, costata 100 milioni di lire dell'epoca, negli anni ottanta.

Se il Bonobo Party ti ha stupito per il suo successo, mi piacerebbe un tuo commento sul Primo Congresso dei Freelance, organizzato a costo zero (e budget zero), con oltre 300 registrati e 250 persone presenti. Il tutto senza "attrazioni internazionali" e senza "effetti speciali" :-)

http://www.bolleblu.info/?cat=4

Organizzato in una location che conosci bene, perche' in seguito l'ADCI ha usato proprio la stessa per la Portfolio Night :-)

The Ego ha detto...

Io non sono andato perchè era free entry. Sono andato perchè era giusto applaudire chi ha fatto un buon lavoro. E da giovane, per vedere quanto sono vicino o lontano dai lavori presentati.

Bello e indicativo anche il video finale.

Anonimo ha detto...

Io ero ubriaco di brutto.

visti i pochi ori assegnati potevano pure fare un investimento per dare almeno due coni (art e copy) ogni campagna vincitrice.

Anonimo ha detto...

Concordo sul video:bellissimo, divertente e carico di speranze.

Anonimo ha detto...

Io sinceramente trovo molto più rappresentative di un effettivo miglioramento creativo le shortlist piuttosto che i lavori premiati. Ovviamente di eccezioni ce n'erano.
Belli i premiati nei sociali e splendido il gran prix. Meno belli alcuni metalli di stampa periodica tv/cinema, ma queste sono opinioni presonali. Ad ogni modo l'annual di quest'anno meriterà. Le giurie hanno fatto un buon lavoro. Il nuovo metodo di valutazione ha funzionato. E speriamo che questo sia solo l'inizio.

Ultras ha detto...

Un cambiamento radicale c'è stato. Il grand prix dell'anno scorso avrebbe faticato per ottenere una short list quest anno. Finalmente non si sono viste le solite facce sul palco, ma volti nuovi e pieni di speranze.


Probabilmente a Cannes non si farà un figurone, ma almeno a livello italiano comincia a vedersi un po' di meritocrazia a discapito del leccaculismo.

E questo è il primo passo per migliorare anno dopo anno.

Anonimo ha detto...

Immagini in movimento che rotolano sulla pellicola: romaticismo, leggerezza, ingegno, il sogno che diventa rapidamente un dramma, quando ciascuno cerca di imporre la propria visione del mondo, tra narcisimo e confessioni intime. Un capolavoro, un ritaglio del reale nell’immaginario, e viceversa.
Anin

PS: bella l’immagine dello scimmione, fa tanto avant-garde

Anonimo ha detto...

perchè si è scelto proprio quel riferimento cinemat.?

Anonimo ha detto...

già. perchè? Anin

Anonimo ha detto...

Come posso rivedere quello splendido filmato ? C'è in rete ?
Nick

Anonimo ha detto...

quale splendido firmato, Nick? Vedrai che The King appena si libera farà un segno traslucido. Abbi pazienza.:) Anin

Anonimo ha detto...

Una bella festa, anche se è triste pensare che tutti quei sorrisi, per un buon 80%, nascondevano l'amarezza di dover lavorare fino alle 24 per 1200 Euro al mese.
Il vero problema, secondo me, non è la rigidità delle giurie. Il nostro settore è attaccato da problemi ben più gravi, ed è triste far finta di non vedere.

Missrettore ha detto...

Ted, trovo meravigliosamente disbanded il fatto che tu abbia scritto "scuola d'arte drammatica PAOLO BELLI" anziché Paolo Grassi. Grande.

Ted ha detto...

HA HA, vero Miss! Non correggo il Typos perché così è più Disbanded.

A Gianni rispondo molto volentieri che anche la festa dell'anno scorso era gratuita, ma non aveva nulla a che fare con quella di ieri sera. Era triste, polverosa, in una location sbagliata, eccetera eccetera. Una roba da allontanare chiunque sotto ii 50 anni. I ragazzi che hanno organizzato quella di ieri si sono fatti un bel mazzo per organizzare qualcosa che assomigliasse a una festa di pubblicitari e non di venditori di Vorwerk Folletto.
Per cui io gli faccio i complimenti.
E ti dico che continuando così l'ADCI si rifarà il nome che aveva perduto.

Ti faccio i complimenti per il tuo congresso, sono contento che iniziative come questa trovino consensi.

Anonimo ha detto...

1200 al mese? magari!

comunque anch'io ci sarei andato volentieri a ubriacarmi gratis, ma dovevo rimanere in agenzia a guadagnarmi la metà della cifra suddetta...

vabbeh, a parte le solite lamentele sugli stipendi (che però rispecchiano una deprimente realtà), molto validi tutti i lavori premiati e anche quelli in shortlist...

Anonimo ha detto...

... bè, sarebbe stato carino, vedere Memole con il cappello a punta! Come atterrare per sbaglio sul pianeta Rilulu, a causa di un guasto all'aspirapolvere, hopps, all'astronave.

Complimenti ted, sei un grande. bello spettacolo! Cool! Laura.

Anonimo ha detto...

Io non c'ero, perché a Roma. Ma scorrendo la lista dei vari vincitori noto con vero piacere che ci sono nomi nuovi.

Finalmente qualcosa che non somiglia ai "soliti sospetti". Finalmente qualcuno ha lasciato la finestra aperta per far cambiare l'aria. Ne avevamo bisogno.

Graz

Anonimo ha detto...

Ma nella nostra agenzia c'era qualcuno che parlava di "ARIA NUOVA IN CUCINA..." si è visto!!! Il piatto era il Bollito.

francescos ha detto...

La festa è stata un successo:
tutti i peluche di trudi infatti
sono spariti insieme ad alcune piante di alto fusto.

Anonimo ha detto...

... un dannno all'ambiente allora. Quando si dice, c'è troppa animazione

http://www.youtube.com/watch?v=kcUitEo2v6g

...clean the world!

EVA ha detto...

Anonimo di "aria nuova in cucina" ho capito dove lavori...

E.

Anonimo ha detto...

e aggiungo: non correggo il typos, perché così fa più topos. Laura.

Gianni Lombardi ha detto...

Ted, parlando della festa ADCI e di Cannes, sembrate l'orchestra del Titanic: abbiamo urtato un iceberg, ma se suoniamo musica migliore la situazione non può che migliorare. :-)

Carlo ha detto...

Non ero mai stato alla festa dell'adci perché è il primo anno che faccio lo stagista sottopagato, ma mi è parso un evento interessante.
Ho guardato i lavori con molta curiosità e ho bevuto gratis. Che c'è di male a mescolare queste due cose?
Concordo con chi sostiene che i lavori di quest'anno fossero migliori rispetto all'anno scorso. Non è questo un buon segnale? Io lo spero.
Ho visto pure Ted ma non l'ho salutato. Non ho voluto presentarmi come quello che è passato qualche mese fa a fare un colloquio in The Name, e obbligarlo a far finta di ricordarsi. Ad ogni modo, lo avrei fatto per la qualità dei lavori della sua agenzia.

Saluti.
Carlo Pinzi/ Staage & Staage Milano.

Anonimo ha detto...

Non sono d'accordo sul successo, per un semplice motivo. I premi non avevano importanza, spessore. E chi li ha vinti non era felice. Io ho visto la felicità sui volti a edizioni di tre- quattro - cinque anni fa. Perché era un premio ambito e ora non lo è più.
A parte l'organizzazione che non è riuscita neppure a metter su un impianto video-sonoro decente: stavo in fondo e non si riusciva a distinguere una parola. Andatevi a rivedere i premi di un po' di anni fa, quando Vigorelli era in forma. E fate un confronto di spessore. Non bisogna paragonarsi al peggio, tipo l'anno scorso, ma al meglio. Pollice verso.

Anonimo ha detto...

Io ho vinto ed ero bello felice.

Forse la tristezza si poteva vedere su quelli abituati a portarsi a casa premi con lavori mediocri, stavolta rimasti giustamente all'asciutto.

Anonimo ha detto...

Scusa, non volevo assolutamente mancare di rispetto a chi ha vinto. stavo solo dicendo che non ho sentito partecipazione, non ho sentito applausi, non ho sentito fischi, in generale non c'era 'magia' e chi l'ha vista, sa cosa intendo.

Ted ha detto...

Gianni: anche fosse non sarebbe male, no?

Piuutosto, se devo trovare un difetto posso dire che forse è vero che l'evento, così come è stato organizzato (tutti rigorosamente in piedi) non ha permesso di seguire benissimo la premiazione, forse anche un po' troppo lunga per via dei troppi premi dati. Ed erano troppi, effettivamente.

Però, dall'altro lato, per la prima volta è stata allestita una bellissima galleria, ottimamente "impaginata" con tutti i lavori premiati ben visibili sulle loro lastre appese al muro. Un'altra ottima idea che nelle passate cerimonie non ricordo di avere visto.